Alla scadenza del 31 gennaio 2018 in Calabria 301 Comuni su 405 hanno inviato la comunicazione all’Anac e di questi 223 hanno utilizzato il portale trasparenza fornito da Asmenet Calabria
L'invio dei dati in Calabria è stato pari al 74.30% di cui il 74% grazie agli strumenti di Asmenet Calabria.
Totale Comuni Italiani che hanno inviato i dati circa 6000 su 7958 pari al 75%.

Il 14 dicembre 2017 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale n.291 la Legge n.179, recante le “Disposizioni per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell’ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato” che, tra l’altro, disciplina la segnalazione di attività illecite all’interno delle amministrazioni pubbliche attraverso la rigorosa disciplina dell’istituto del whistleblowing. L’istituto del Whistleblowing mira, tra l’altro, a tutelare il dipendente che segnala al responsabile della prevenzione della corruzione e della corruzione (RPCT) condotte illecite di cui sia venuto a conoscenza.

La procedura per tali segnalazioni va istituita dal RPCT, il quale deve occuparsi di dotare l’Ente di un canale alternativo di segnalazione “idoneo a garantire, con modalità informatiche, la riservatezza dell’identità del segnalante”

Al riguardo, per gli Enti soci in regola con la quota servizi, ASMENET rende disponibile gratuitamente uno piattaforma di segnalazione che risponde a tali disposizioni. Le piattaforma prevede le seguenti funzionalità:

  • Accesso riservato e sicuro per il segnalante o whistleblower;
  • Inserimento delle segnalazioni tramite una procedura intuitiva e di facile compilazione;
  • Trasmissione della segnalazione in maniera del tutto riservata;
  • Integrazione delle segnalazioni effettuate;
  • Notifica Mail al RPCT di avviso di una nuova segnalazione;
  • Accesso ad un’area riservata per il RPCT dove prendere visione delle segnalazioni ricevute;

Per usufruire del servizio è sufficiente inviare la scheda di adesione sottostante.

>> Modulo richiesta
>> Informativa Clienti e Fornitori
>
> Guida sintetica

Entro il prossimo 31 gennaio le Stazioni Appaltanti, sottoposte alle normative sugli appalti pubblici, devono adempiere agli obblighi imposti dalla Legge 190/2012 (art. 1, comma 32) provvedendo a:

a.   Pubblicare sul proprio sito web istituzionale le informazioni di cui all’articolo 3 della Deliberazione n.26 del 22 maggio 2013 secondo la struttura e le modalità definite dall’Autorità sulla base delle specifiche tecniche per la pubblicazione dei dati aggiornate.

b. Trasmettere  all’Autorità,  entro  il  31  gennaio  p.v.,  a  mezzo  PEC  all'indirizzoThis email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.l’attestazione di avvenuto adempimento. La PEC deve riportare obbligatoriamente, nell’apposito modulo aggiornato, il codice fiscale della Stazione Appaltante e l’URL di pubblicazione delle informazioni (art. 3) in formato digitale standard aperto.

 Al riguardo, per gli Enti soci in regola con la quota servizi, Asmenet calabria rende disponibile gratuitamente la soluzione che consente di rispondere facilmente a tale obbligo. L’applicazione, inoltre, è stata aggiornata con le seguenti ulteriori funzionalità:

1.   L’integrazione delle informazioni già inserite con la possibilista di modificare e/o duplicare i CIG

precedentemente inseriti;

2.   Un nuovo strumento informatico che consente una migliore importazione automatizzata dei dati

all’interno del sistema. Oltre a garantire:

  • L’importazione automatica dei CIG già inseriti sul Portale Trasparenza (ANAC) all’interno del sistema;
  • L’inserimento delle informazioni sui CIG tramite maschere complete e intuitive;
    • La pubblicazione in modo automatizzato i file *.xml da trasmettere all’AVCP, suddivisi per annualità, in ottemperanza agli obblighi imposti dall’Autorità;
    • La pubblicazione delle informazioni sul proprio portale istituzionale anche sotto formato tabellare, come prescritto dall'Art 1, comma 32, legge 190/2012.

Per usufruire del servizio è sufficiente inviare la scheda di adesione sottostante via mail a This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. o via fax al numero 0968 418792. Per maggiori informazioni chiamare lo 0968 412104.

>> Qui la Circolare

Il 4 aprile scorso è stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 79, la circolare AgID 1/2017 contenente le misure minime di sicurezza ICT. La circolare ha inoltre fissato al 31 dicembre 2017 la scadenza per le Pubbliche Amministrazioni per adottare le misure minime di sicurezza informatica per proteggere il patrimonio informatico e i dati gestiti al loro interno. La responsabilità di attuazione delle misure minime è in capo al responsabile dei sistemi informativi (art. 10 del D.lgs. 39/1993) o, in sua assenza, al dirigente allo scopo designato.
In pratica si rende necessario individuare delle misure di livello minimo e tendere a rendere i sistemi sicuri a seconda della propria situazione contingente: quello che il codice della privacy (D.lgs. 196/2003) definisce “misure idonee di sicurezza”. Dovranno essere previsti sia specifici interventi tecnico/organizzativi per prevenire, contrastare o ridurre gli effetti relativi ad una specifica minaccia ma anche tutte quelle attività di verifica e controllo nel tempo, essenziali per assicurarne l’efficacia.
Asmenet Calabria, per consentire il corretto adempimento normativo ai propri associati, ha predisposto gratuitamente un’applicazione informatica per la corretta redazione del “modulo di implementazione delle misure minime di sicurezza per le pubbliche amministrazioni” e, inoltre, per affiancare i soci ha organizzato gli incontri territoriali informativi presso:

  • 12/12/2017 Locri (RC)
  • 13/12/2017 Mileto (VV)
  • 14/12/2017 Ciro (KR)
  • 15/12/2017 Lamezia Terme (CZ)
  • 15/12/2017 Castiglione cosentino (CS)

Per partecipare è sufficiente inviare, compilata in tutte le sue parti, la scheda sottostante. 
Con l’occasione verrà presentato, nella stessa giornata, il nuovo sito internet istituzionale, che sarà reso disponibile gratuitamente agli Enti associati, in grado di rispettare tutte le norme in materia di accessibilità, in particolare con le recentissime linee guida AgID del 29 settembre scorso.
I nuovi siti prevedono anche il rilascio del “logo di accessibilità”, che attesta il superamento delle verifiche tecniche di accessibilità dei requisiti, previste dal Decreto Ministeriale 8 luglio 2005.

CIRCOLARE | SCHEDA DI ADESIONE

Praia a Mare, comune in provincia di Cosenza, che ha vinto più volte il premio di Comune innovatore, rivolto ai  comuni che mostrano maggiore sensibilità verso i temi dell’innovazione e dell’ICT (Information and Communication Technology) e che, attraverso l’attivazione e l’utilizzo dei servizi di egovernment, sono in grado di portare benefici reali a favore della propria macchina amministrativa e verso i cittadini che sono poi i beneficiari finali. Secondo un analisi dell’Osservatorio e-government del Politecnico di Milano, infatti, il Comune, “negli ultimi dieci anni, ha dimostrato una forte propensione verso i progetti di innovazione digitale”.

In allegato il report E-government

Additional information